Arts, Aesthetic and Cultural Heritage

Arte e neuroscienze si intrecciano da secoli. Sia le neuroscienze che l’arte cercano di osservare, registrare e spiegare il mondo che ci circonda. Entrambi i campi offrono prospettive su come le persone percepiscono, pensano e agiscono e lo studio della percezione ha a lungo caratterizzato la loro interazione: in che modo le caratteristiche presenti in un quadro, come colori, soggetto, forme e effetto luce-ombra, sono collegate al senso di gratificazione, piacere o angoscia? Come l’osservatore mediante la fruizione percettiva dell’opera d’arte vive e sperimenta il messaggio emotivo dell’artista e la sua potenza di trasmissione? Sebbene abbiano le proprie strutture teoriche, tecniche in evoluzione e diverse scuole di pensiero, negli ultimi anni, la possibilità offerta dalle moderne metodologie di esplorazione funzionale del cervello ha favorito un più intenso dialogo tra neuroscienze e arti visive, estetica e beni culturali per meglio comprendere i correlati neurobiologici dell’esperienza artistica e della risposta affettiva e comportamentale che consegue all’interazione con l’opera d’arte.

Finance and Investments

Le neuroscienze applicate consentono di identificare le condizioni biologiche che influenzano le decisioni e i meccanismi automatici che si attivano durante le scelte di investimento, anche in situazioni di rischio, incertezza, ambiguità o in intervalli temporali ristretti. Le ricerche in finanza comportamentale mostrano come le emozioni o il contesto socio-economico influenzino i processi decisionali, tra cui le scelte finanziarie. Possiamo oggi meglio descrivere i fondamenti decisionali mediante un approccio interdisciplinare, integrando le più innovative scoperte di neuroscienze applicate e psicologia sperimentale ai problemi inerenti all’allocazione delle risorse.

Health and Safety

Le neuroscienze e la comprensione di come lo sviluppo del cervello influenza i modelli di comportamento e i processi decisionali riveste un ruolo sempre più importante nella gestione della sicurezza e della salute delle persone. Comprendere come il cervello influenza le nostre azioni può essere di ausilio nell’indurre l’adozione di condotte e comportamenti a più basso rischio e improntate alla salute. Le neuroscienze sociali sono rilevanti per la sicurezza, ovvero come ci relazioniamo gli uni con gli altri e come questo influenza il nostro comportamento. Le relazioni fra individui e i bisogni sociali fondamentali sono potenziali predittori del comportamento e possono avere un impatto sul processo decisionale, sull’assunzione di rischi, sul giudizio e sull’attenzione agli aspetti più delicati. L’emozione è il motore predominante del comportamento: quando siamo in uno stato emotivo più positivo siamo meglio in grado di elaborare le informazioni e di assumere decisioni più consapevoli.

Human Resources

Gli studi di business strategy hanno evidenziato il ruolo delle dynamic capabilities – intese come le capacità di un’organizzazione di integrare, costruire e riconfigurare le proprie risorse in risposta ai cambiamenti ambientali – nel conseguimento di un vantaggio competitivo sostenibile. Ogni risposta organizzativa alle mutate condizioni di contesto sottende un processo decisionale che determina la scelta tra differenti e diverse linee di azione. I processi decisionali sono il risultato di complesse interazioni tra processi cognitivi ed emotivi che coinvolgono l’individuo considerato sia nella sua singolarità, sia quale elemento costituivo di un sistema coordinato e interconnesso, quale è l’azienda. In tale prospettiva, le neuroscienze applicate si configurano come un approccio innovativo per la comprensione dei processi decisionali all’interno delle organizzazioni economiche.

Learning and Training

Le neuroscienze applicate contribuiscono alla valorizzazione del capitale umano all’interno delle aziende e a supporto delle strategie di apprendimento individuali e organizzativo. Gli stili di apprendimento, ovvero i processi cognitivi mediante i quali cui si acquisiscono ed elaborano nuove conoscenze, si caratterizzano e differenziano fra gli individui. Le neuroscienze mostrano come una formazione personalizzata e adattata agli stili di apprendimento si riverberi positivamente sull’efficienza neurale, ovvero il livello di efficacia nell’apprendimento riducendo lo sforzo di acquisizione per l’individuo e migliorandone la performance.
Gli ambienti virtuali e immersivi caratterizzeranno in misura crescente la nostra società riverberandosi sui sistemi di e-learning e sulle loro modalità di funzionamento. Gli ambienti e le piattaforme virtuale sono oggi nuovi luoghi di interazione tra essere umani e umani virtuali. Le neuroscienze permettono di valorizzare al meglio, tra le altre applicazioni, l’interazione e la formazione virtuale, misurando e perfezionando il grado di immersione e di embodiment dell’individuo nell’ambiente virtuale e incrementandone la capacità di apprendimento.

Marketing & Communication

Un numero crescente di aziende focalizza l’interesse sull’analisi del consumatore e del mercato basandosi sulla prospettiva delle neuroscienze applicate al marketing. Il livello di attenzione a un messaggio, la capacità di ritenzione nella memoria di breve, medio o lungo termine e l’associazione del contenuto da parte del soggetto con una emozione positiva o negativa divengono parametri neurometrici che aiutano a conoscere meglio il consumatore finale consentendo di servirlo al meglio. Applicare le neuroscienze al marketing significa interrogarsi da una prospettiva nuova sul modello di business e sulle strategie commerciali e più in generale di mercato.

Il nostro approccio alla ricerca

Il Neuroscience Lab sviluppa approcci innovativi per condurre survey, esperimenti in laboratorio e sul campo, integrando la rilevazione di dati psicometrici, comportamentali e psicofisiologici per rispondere a domande di economia, management e strategia aziendale mediante la prospettiva delle neuroscienze.

La Scuola IMT Alti Studi Lucca – partner scientifico del Neuroscience Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center - dispone di strumenti quali l’elettroencefalografia, la risonanza magnetica funzionale, la functional near-infrared spectroscopy, i sistemi di eye-tracking, i virtual reality headsets, gli stress-bracelet e ancora altri sensori per misurare parametri fisiologici, periferici e neurali.

Il nostro obiettivo è il costante miglioramento nella comprensione delle dinamiche cognitive che sottendono il comportamento umano nella vita di interazione sociale e organizzativa.
ITA